Le opere dedicate al Free – Climbing

 

 

Mostra Fotografica Internazionale “Il Mattone Rampante” 2ª edizione

L’Associazione Street Boulder Italia con il contributo di Torino 2010 European Youth Capital, Città di Torino, Regione Piemonte, Dipartimento della Gioventù, organizza la 2ª edizione della Mostra Fotografica Internazionale “Il Mattone Rampante”.

Mostra  “Mattone rampante 2010” allestita presso lo Sbarco, via Silvio Pellico 0, Torino fino a Dicembre 2010.

Sono esposte anche 2 gigantografie di Rusp@ (fotografie di due suoi quadri ad olio su tela ispirati dalle arrampicate libere), scelte dall’organizzazione del “Mattone rampante” per la rassegna fotografica.

 

free - clinbing.jpg
Free Climbing – olio su tela, cm. 80 x 100, Anno 2007
arrampicata libera.jpg
Arrampicata libera – olio su tela cm. 80×100
opera scelta per la mostra

arrampicata.jpg

Arrampicata – olio su tela cm.80 x 100

opera scelta per la mostra 

 

 

Durante questo momento ho realizzato alcune opere tutte surreali e molto movimentate con una buona dose di fantasia.  Alcuni caseggiati abbandonati dall’uomo (per l’ormai celebre effetto serra), diventano luoghi per le scalate libere e il divertimento.

 

Identikit di un pittore Reggiano: Gianni Ruspaggiari in arte Rusp@.

 

Su Reggio Storia numero 126 (uscito nel mese di Marzo 2010),

Adriana Toffanetti intervista Rusp@.

Supplemento allegato: “Rusp@ artista al passo coi tempi”

(immagini delle sue opere digitali stampate su tela in pezzi unici).

Vortice 2010.jpg
Opera digitale di Rusp@, opera stampata su tela in pezzo unico. Misura cm. 95 x 76.

 

 

 

 

Gianni Ruspaggiari Rusp@. L’Associazione Culturale Galleria La Pergola Arte di Firenze, seleziona una sua opera digitale per la mostra “Oltre”.

 

W 9 J.jpg
W 9 J
opera digitale stampata su tela in copia unica

 

Questa mia opera digitale è stata selezionata per partecipare alla rassegna Internazionale                    

“Oltre – nuove proposte per il 2010” che si svolge nella Galleria dell’Associazione Culturale  La Pergola di Firenze dal 7 al 20 Dicembre 2009. La commissione  ha così scritto nel bando di selezione: ….le opere dovranno avere come caratteristica il suggerimento di nuove prospettive creative, sia nella tecnica (nell’uso di nuovi materiali o inconsueti) sia nella scelta cromatica (anche la presenza di un colore predominante, o anche di un solo colore può essere ricerca di nuove sensazioni percettive), sia nel soggetto rappresentato, reale o astratto che sia. OLTRE. L’urgenza di andare oltre la consuetudine, oltre il già visto, oltre la rappresentazione deve guidare l’artista nel proporre la propria creatività senza false inibizioni. Con questa nuova esposizione l’intento della direzione artistica della Galleria La Pergola Arte è quello di evidenziare e porre in rilievo la forza creativa che l’artista riesce ad esprimere anche in situazioni minimali, e rendere il giusto tributo al colore e alla tecnica, che a volte travolge, a volte sussurra, altre imprigiona l’animo poetico in evocazioni spirituali di antico retaggio, ma sempre decide la compiutezza dell’opera a prescindere dalla rappresentazione formale figurativa o astratta.

 

Rusp@

 

Un’opera digitale per i cento anni del Giro d’Italia

Sono stato invitato da Fabrizio Borghini e da Eva Komorowska a realizzare ed esporre un’opera per onorare l’evento sportivo che compie 100 anni.

La mostra delle opere degli artisti invitati è allestita dal 1° Maggio al 30 Giugno negli enormi spazi dell’Hotel West Florence di Firenze Campi Bisenzio.

Il Giro d’Italia arriverà a Firenze il 22 Maggio e la maggioranza della carovana pernotterà al West Florence Hotel visitando la mostra.

 

 

Tappa.jpg
Tappa – Opera digitale – tela cm. 84×63

 

Rusp@ partecipa a “Periferica” Teatro dei Quartieri Reggio Emilia

Ho partecipato a “Periferica” – Teatro dei quartieri-  Reggio Emilia;  “Pagine di diario urbano, scatti che raccontano la città che si trasforma spaventa e stupisce”.  Ho fotografato per nove anni e in ogni stagione, la ripresa a vivere di un albero secolare.  Un violento temporale nel 1998, provocò numerosi danni a Reggio Emilia e provincia,  fra questi un meraviglioso albero sito in Viale Isonzo angolo Viale Allegri.  Il maestoso albero aveva riportato notevoli ferite: rami spezzati e il tronco dimezzato. Soccorso da tecnici Comunali competenti l’albero ricominciò lentamente a germogliare e dopo nove anni ha riassunto il suo vigoroso aspetto.  Un studioso di storia Reggiana mi ha detto che l’albero è un Frassino Americano e risale ai tempi delle mura e dei bastioni che fortificavano la città.

 

albero di viale Isonzo.jpg
La pagina inviata a Periferica