Orari mostra a Palazzo Ducale

Inaugurazione mostra oggi Sabato 12 Marzo 2016 alle ore 17,30. Presentazione mostra a cura di Sergio Zanichelli e Angelo Leidi, con il saluto del Vice Sindaco di Guastalla Ivano Pavesi. La mostra prosegue poi fino al 28 Marzo con i seguenti orari e giorni: Mercoledì dalle 10,30 alle 12,30;  Sabato e Domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30; Lunedì 28 Marzo dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30.

stanza 3

Nella fotografia un angolo della stanza numero 3 della mostra a Palazzo Ducale di Guastalla.

Guastalla Palazzo Ducale

palazzo ducale guastalla

Rusp@: Visioni pittoriche tra surrealismo e contemporaneità.

Una sequenza ritmica di esili profili architettonici verticali, leggermente curvati, quasi alla ricerca di un abbraccio tra forme artificiali e spazi naturali; il tutto avvolto da una poesia silenziosa espressa in una fantastica policromia di immagini surreali. Rusp@ attraverso il suo linguaggio espressivo ci riporta alle relazioni tra “corpi materici” che sono l’atto fondativo della costruzione e i nostri luoghi. Un remake di stratificazioni prospettiche come nella pittura trecentesca di Giotto nella quale le architetture verticali sono rappresentate attraverso piani e superfici policromatiche in relazione tra di loro. La costruzione di un luogo quindi non solo come spazio fisico ma come rappresentazione dei valori della vita. Architetture che sembrano danzare sulle onde di un intenso mare blu fino a perdersi all’orizzonte in un cielo terso azzurro quasi ad evocare i “blu” della pittura di Piero della Francesca. Il fondo delle sue opere pittoriche, quasi sempre di colore azzurro-blu, diventa un luogo senza identità, senza memoria, senza riferimenti riconducibili a uno specifico contesto; quasi per cancellare qualsiasi forma iconica che ci riporta ad un luogo con una specifica identità. Ed è per questi aspetti che possiamo parlare di espressioni pittoriche surreali, tra sogno ed evocazione, tra desiderio ed attesa, tra spazio e tempo.

Una pittura “visionaria” che sconfina tra le simbologie e le allusioni di una pittura primordiale che rappresenta i luoghi in forme fiabesche e oniriche come nella pittura quattro-cinquecentesca di Bosch e come nella pittura espressionista-naifs di Rovesti e Colombo che ritrae il mondo magico e arcaico della cultura contadina. La figura umana è quasi sempre rivolta verso una visione prospettica e irreale di un paesaggio, tra un possibile sogno e visioni fantastiche alla ricerca di un luogo nel quale ritrovare il piacere del vivere contemporaneo. Un luogo che si esprime in pittura attraverso relazioni tra elementi artificiali e naturali, il tutto rappresentato da “forme fuori scala”. E’ attraverso l’uso di colori primari, accesi, per le forme artificiali e dei colori tenui per le forme naturali che Rusp@ cerca di costruire una nuova figurazione come relazione tra le opere dell’uomo e la bellezza della natura. Un piccolo manifesto di una nuova realtà urbana. Nelle sue opere pittoriche ritroviamo infinite scene della quotidianità che lui rappresenta sempre con situazioni di “eccezione” quasi mai riproducendo scenografie ordinarie ma attraverso la relazione tra i personaggi e il luogo per un infinito viaggio virtuale come desiderio interiore dell’artista a espressione dei contenuti della sua pittura. Schegge di vita urbana, figure senza volti, paesaggi irreali e architetture che si piegano dal cielo fino a terra cercando un’emulazione o meglio una simbiosi con le forme naturali. Immagini segmentate, contrastate da infinite forme lessicali e informali con intensi cromatismi  per rappresentare un possibile mondo attraverso l’uso della pittura. Una  distorsione di forme che raggiunge il suo apice nell’utilizzo del computer per l’esecuzione delle sue opere pittoriche per una visione complessiva tra immagini optical e iper-futuristiche a definizione di mondi interplanetari.

C’è sempre nel lavoro di Rusp@ un luogo fantastico nel quale ritrovare il piacere del vivere contemporaneo che oggi sembra essere assente. Immagini silenziose nelle quali ritrovare quella magia che permette all’artista di realizzare uno specifico e autonomo processo creativo. Virginia Wolf ci ricorda che l’arte non è il bello ma il vedere le cose in modo diverso; un modo differente che sta alla base di tutta la ricerca pittorica di Rusp@ attraverso l’espressione di un fantastico mondo…….. tra realtà e fantasia.

 

Sergio Zanichelli

 

 

 

Rusp@ a Palazzo Bastogi di Firenze Giovedì 21 Gennaio

Il Presidente del Consiglio Regionale della Toscana “Eugenio Giani” e il Presidente del Centro Culturale Firenze Europa “Mario Conti”, Marco Cellai, hanno il piacere di invitare la SV. All’inaugurazione della Mostra delle opere selezionate al XXXIII Premio Firenze, Giovedì 21 Gennaio alle ore 17 in Palazzo Bastogi (sede del Consiglio Regionale della Toscana). Rusp@ è tra gli artisti premiati con l’opera di grafica computerizzata “Deturpazione sconvolgente”.

Apertura mostra: 21-29 Gennaio 2016 dal Lunedì al Venerdì. Orario: 14.00-18.00.

Suonatore di bicchieri

suonatore di bicchieri 

Un giorno in una strada c’era un suonatore di bicchieri, incuriosito mi fermai ad ascoltarlo, mentre accarezzava con la punta delle dita i bordi dei bicchieri di cristallo (riempiti con acqua a vari strati), nell’aria vibravano suoni dolci e rilassanti come l’espressione del suo volto.

Rusp@

 

 

 

 

Festareggio 2015

Giro in gondolaIl quadro “Giro in gondola” è stato realizzato prendendo gli spunti dal vero. Olio su tela, misura cm. 60 x 60, Anno 2015. L’opera è nella mostra di Festa Reggio 2015.

Sarò presente nella mostra a Festa Reggio le ultime tre serate, Venerdì, Sabato e Domenica. Vorrei ringraziare tutti coloro che hanno lasciato messaggi sul libro delle firme.   Rusp@

 

Venezia tradizionale

Opera dipinta dal vero rappresentante uno scorcio di Venezia.

  Venezia tradizionale 

Opera di Rusp@ pittore, olio su tela, cm. 30×30,   Rusp@ dipinge Venezia dal 1983. Soggiorna spesso nella città di cui è innamoratissimo. Ha dipinto Venezia in molti modi e con tante tecniche diverse. L’opera sopra decritta è una Venezia tradizionale, cosa rara per l’artista che è solito dipingerla surreale.

Mostra personale nel Museo Guareschi di Brescello

per blog 

Una mostra moderna e innovativa con opere che spaziano dalla pittura tradizionale alla pittura digitale passando attraverso dipinti  astratti e surreali. Il criterio che sta alla base del lavoro di Rusp@, il punto di partenza è di considerare l’arte per l’individuo, l’arte come portatrice di messaggio, che sappia suscitare emozioni, ma che spinga anche a riflettere.  

Lirismo e sinuosità – mostra personale di Rusp@  pittore e pittore digitale

nel “Museo Guareschi, il Territorio il Cinema” di Brescello.

Aperta da Domenica 7 Dicembre 2014 a Domenica 18 Gennaio 2015

Sala Espositiva del Museo “Guareschi, il Territorio il Cinema”

(Via F. Cavallotti 24, Brescello)

 

INAUGURAZIONE

DOMENICA 7 DICEMBRE 2014 , ORE 10.00

 

ORARI DI APERTURA

Da Lunedì a Venerdì 09.30-12.30 / 14.30-17.30

Sabato, Domenica e festivi 09.30-12.30 / 14.00-18.00

INGRESSO LIBERO

 

Per informazioni

Ufficio Turistico 0522/482564  http://visitbrescello.it

L’effetto serra

effetto serra 2008 

Effetto serra 2008 – opera di Rusp@ – olio su tela – cm. 80 x 100 – Anno 2008.

Il caseggiato dopo essere stato abbandonato causa acqua alta, viene ripreso dall’uomo per farne un luogo di svago.