Centocinquantanni

 

Opera di Rusp@ per i festeggiamenti dei 150 anni dell’unità d’Italia.

 

Tecnica mista su tela in copia unica nella misura di cm. 73×89

artisti reggiani,pittori reggiani,castelnovo di sotto,unità italia,tricolore,rusp@,arte,pittura,pittura digitale,arte digitale

 

Il Comune di Castelnovo di Sotto allestirà una mostra personale antologica di Rusp@ Gianni Ruspaggiari (con opere dal 1960 al 2011) in occasione della fiera di Sant’Andrea dal 26 Novembre al 12 Dicembre 2011.

Rusp@ pittore a Festa Reggio 2010

 

 

Dal 19 Agosto al 12 Settembre

Nello spazio Culturale “Angolo Arte” adiacente la libreria, si possono ammirare alcune opere digitali dell’artista Rusp@ (pittore e pittore digitale di Castelnovo di Sotto). Sono opere innovative e uniche su tele di oltre un metro, molto apprezzate e premiate nei vari concorsi d’arte digitale multimediale. Saranno esposte anche due opere ad olio su tela sempre di Rusp@ nello spazio esterno.

 

rusp@ nel suo atelier.jpg
Rusp@ pittore nel suo atelier di Castelnovo di Sotto R.E.

 

Rusp@ gianni ruspaggiari

Rusp@ pittore e pittore digitale in Castelnovo di Sotto R.E.

Artista al passo coi tempi

Ruspa.jpg

Rusp@ davanti alla sua recete opera: “Ragazza della musica”, tecnica mista

 

Sono pittore da oltre 50 anni, dal 1998 sono anche pittore digitale. Oggi alterno le due tecniche (olio e digitale).

  Sono un artista sempre alla ricerca di nuove forme di comunicazione visiva e per questo vengo definito: “Artista al passo coi tempi”.

 

Le Seducenti Metafore di Rusp@

W 9.jpg
W9 – opera digitale di Rusp@- anno 2010

 

 

Testo di Fabrizio Borghini – Critico d’arte e giornalista in Firenze,

in occasione della presentazione della monografia:

Rusp@ artista al passo coi tempi.

 

 

 

Nel corso degli anni ho avuto modo, sempre più spesso, di occuparmi dell’arte di Rusp@ per la rubrica Incontri con l’arte che conduco su Toscana Tv. Ho avuto, così, l’opportunità di seguire l’evoluzione, o se preferite la trasformazione, che lo ha portato a passare da un personalissimo figurativo, venato di prodromi surrealisti, alla scomposizione di paesaggi e oggetti sia dal punto di vista segnico che cromatico. L’operazione di frantumazione del colore, effettuata attraverso un passaggio da divisionista, lo ha fatto lentamente pervenire alla pura astrazione. La bassa padana si è venuta trasfigurando, nei suoi quadri, in un fantastico paesaggio onirico, una specie di fiabesco giardino incantato visitato con ottica deformante: alberi, case e campanili si allungano, si contorcono, si flettono sotto i colpi di refoli di vento immaginari che ne ridefiniscono i contorni. La Padania di Rusp@ non è avvolta da nebbie invernali ma accarezzata dalle calde atmosfere dell’estate che la rendono più mediterranea che mitteleuropea. La sua sanguigna Emilia, per sapori, humus, umanità, partecipazione emotiva che sprigionano personaggi e situazioni, è molto più vicina al sud che al nord. Forse è per questo motivo che predilige Firenze a Milano e ama Venezia, la città più “meridionale” a settentrione dell’Appennino, più di tutte le altre località ristrette fra i suoi monti e quelli dell’arco alpino. Se c’è un filo rosso che lega tutte le opere dell’artista, realizzate nei vari periodi che hanno contraddistinto il suo cammino in arte, questo è rappresentato dalla luminosità che è andato a cercare nei quadri dei Macchiaioli toscani. Invece, le motivazioni esistenziali che lo hanno spinto ad affrontare temi d’attualità come l’inquinamento, l’effetto serra, il disboscamento indiscriminato lo hanno indirizzato verso l’espressionismo che lui ha utilizzato in maniera leggera, non traumatica. I drammatici problemi legati alla sopravvivenza del genere umano sono trattati con candore, senza forzature, raccontati con la dolcezza dell’affabulatore e sottolineati, magari, dalle note di un violino e definiti con tenui sfumature di colore. Vi si potrebbe raffigurare un fondo contraddittorio foriero di equivoci: Rusp@ tratta temi sconvolgenti usando colori caldi, inserendo figure umane che al cospetto di immani catastrofi mostrano volti senza disperazione ma pervasi di stupore di fronte al disfacimento che sta davanti ai loro occhi. La contraddittorietà è, però, solo apparente, è un’illusione ottica che deriva da una prima e superficiale lettura dell’opera. Analizzandola e penetrandola nel profondo, invece, si scopre quanto smarrimento solchi i volti di quelle figure attonite, quanta impotenza alberghi nell’animo di questi personaggi piccoli di fronte a tragedie grandi. Alla fine di questo tormentato viaggio, Rusp@ è approdato alla pittura digitale che, a parer mio, gli è particolarmente congeniale. La computer art gli ha consentito un’immediatezza espressiva e cromatica, ha favorito passaggi rapidi ed essenziali che hanno rimosso i filtri rappresentati dai problemi esistenziali e dai messaggi ecologisti che, pur apprezzabili, hanno rappresentato un vero e proprio freno, o quantomeno hanno costretto l’artista ad un deleterio autocontrollo che ne ha sostanzialmente compressa la creatività e l’effervescenza. Un fondo gioioso lo si avvertiva anche in precedenza ma era sottinteso, andava scovato leggendo fra le righe, nell’ironia celata negli ossimori dei titoli (Natura morta in movimento, per esempio) o negli sfondi veneziani di una città votata al dissolvimento ma raffigurata con una fantasmagoria di colori vitali. Chissà se è stato un caso fortuito o una scelta voluta dall’artista, ma che questo catalogo veda la luce proprio in occasione del centenario della pubblicazione del manifesto futurista mi sembra un segno del destino. Con gli artisti che dettero vita a quella corrente artistica, Rusp@ ha in comune tanti tratti che, a buon titolo, lo possono far rientrare nel novero dei post futuristi pur non avendo bussato alla loro porta come emulo ma essendosi guadagnato i galloni sul campo per innate consonanze con Marinetti e i suoi vulcanici epigoni.

 

Firenze, settembre 2009

Gianni Ruspaggiari “Rusp@”

rusp@.jpg

Rusp@ nel suo atelier di Castelnovo di Sotto in via Giusti 9
 

 

 

 

Rusp@  (Gianni Ruspaggiari) artista al passo coi tempi, tra i premiati alla XXVIIa edizione del “Premio Firenze 2009” 

 

La mostra si terrà in

 

                                     PALAZZO PANCIATICHI

                                                a Firenze in via Cavour 4

dal 22 dicembre 2009 all’11 gennaio 2010

 

L’inaugurazione si svolgerà lunedì 21 febbraio alle ore 17,00

orario dal lunedì al venerdì dalle ore 15,00 alle ore 17,00

 

Rusp@ al Premio Firenze, è stato finalista per ben 10 volte su 13 partecipazioni, tra queste 10  è da segnalare la medaglia di Bronzo (nel 1999) e il Fiorino d’argento (nel 2001).

 

 

 

Le opere digitali recentissime

 

 

Spirals X.jpg
Spirals X   
opera digitale su tela in copia unica – cm.110 x130
————————————–
Y 11.jpg
Y11
opera digitale stampata su tela in copia unica – cm. 130 x110
—————————————
YJKKK.jpg
YJKKK
opera digitale stampata su tela in copia unica – cm. 130 x110

Giro Italia centoanni

 

 

XXVIIa Edizione del

Premio Firenze 2009.

Rusp@ Anche in questa edizione dell’importantissimo Premio (tra i più importanti del mondo) ho vinto un’esposizione in Palazzo Panciatichi nel centro storico di Firenze. L’opera vincitrice è la stessa che era stata da me eseguita  per i cento anni del Giro d’Italia quando aveva fatto sosta in terra Fiorentina.

La premiazione è avvenuta nel salone dei cinquecento di Palazzo Vecchio a Firenze il giorno 5 Dicembre 2009.

 

Di seguito l’immagine dell’opera vincitrice al XXVII° Premio Firenze.

 

Rusp@

 

 

 

 

 

giro Italia centoanni.jpg
Giro Italia centoanni
Opera digitale stampata su tela, dimensioni cm. 93 x 71

 

Gianni Ruspaggiari Rusp@. L’Associazione Culturale Galleria La Pergola Arte di Firenze, seleziona una sua opera digitale per la mostra “Oltre”.

 

W 9 J.jpg
W 9 J
opera digitale stampata su tela in copia unica

 

Questa mia opera digitale è stata selezionata per partecipare alla rassegna Internazionale                    

“Oltre – nuove proposte per il 2010” che si svolge nella Galleria dell’Associazione Culturale  La Pergola di Firenze dal 7 al 20 Dicembre 2009. La commissione  ha così scritto nel bando di selezione: ….le opere dovranno avere come caratteristica il suggerimento di nuove prospettive creative, sia nella tecnica (nell’uso di nuovi materiali o inconsueti) sia nella scelta cromatica (anche la presenza di un colore predominante, o anche di un solo colore può essere ricerca di nuove sensazioni percettive), sia nel soggetto rappresentato, reale o astratto che sia. OLTRE. L’urgenza di andare oltre la consuetudine, oltre il già visto, oltre la rappresentazione deve guidare l’artista nel proporre la propria creatività senza false inibizioni. Con questa nuova esposizione l’intento della direzione artistica della Galleria La Pergola Arte è quello di evidenziare e porre in rilievo la forza creativa che l’artista riesce ad esprimere anche in situazioni minimali, e rendere il giusto tributo al colore e alla tecnica, che a volte travolge, a volte sussurra, altre imprigiona l’animo poetico in evocazioni spirituali di antico retaggio, ma sempre decide la compiutezza dell’opera a prescindere dalla rappresentazione formale figurativa o astratta.

 

Rusp@

 

Rusp@ “Artista al passo coi tempi”

 

La mia poesia su tela

 

Sin dall’adolescenza mi sono sentito attratto dall’arte del dipingere. Il dipingere mi veniva spontaneo e passavo naturalmente dalle copie di quadri d’autore per lo studio dei colori, a copie dal vero. Ho poi frequentato negli anni 60 lo studio del pittore William Lusuardi pittore di Castelnovo di Sotto.  Ho partecipato a diversi concorsi estemporanei nei paesi della bassa con discreti risultati. Poi il servizio militare (dove ho dipinto molti quadri per abbellire la caserma), gli impegni della vita e i diversi interessi hanno fatto si che mi allontanassi momentaneamente dalla pittura. La maturità (inizi anni 80) ha di nuovo risvegliato in me l’antico amore e così mi sono riaccostato a tele e colori, dapprima quasi con timore, poi con sempre più passione e voglia di fare da spingermi a ricreare momento dopo momento la mia arte del dipingere. Interiorizzo ciò che vedo, lo faccio mio e lo imprimo sulla tela. Ogni sua tela è frutto di un momento di vissuto che è una volta sola. E così di vissuto in vissuto mi sono rispecchiato nell’acqua dove le mie particolari case si riflettono; ho passeggiato sulle vie delle città morte; ho trascritto le mie sensazioni a contatto con il quotidiano; mi sono messo in movimento con gli oggetti; ho cominciato il mio viaggio nell’astrazione; sto sperimentando con buoni risultati la computer art; mi sono innamorato perdutamente di Venezia.

 

Questi sono i miei momenti di ricerca, esposizione, sperimentazione che mi portano a scrivere la mia poesia su tela.

Rusp@

                                         

 

 

 

 

 
 
 
rusp@ nel suo studio.jpg
 Rusp@ nel suo studio