Dimenamento

Dimenamento.jpg

Opera di Rusp@ Gianni Ruspaggiari – olio su tela cm. 30 x 30 – Anno 2013

Opera surreale (ma non tanto), che  illustra  un caseggiato che impazzisce e si dimena per protestare contro il continuo avvicendarsi di fenomeni naturali e avvenimenti provocati dall’uomo.          Rusp@

Painting in motion

Pittura in movimento

rusp@ pittore,castelnovo di sotto,emilia romagna,italia,europa,arte,surrealismo,pittori italiani,artisti italiani,reggio emilia,pittura italiana

Movement – olio su tela- cm. 30 x 30 – Anno 2012

   Movement – oil on canvas cm. 30 x 30, Year 2012   

Rusp@,

è nato a Castelnovo di Sotto R.E. il 15 Maggio 1946. 

Dipinge a tempo pieno nel suo Atelier di via Giusti 9 a Castelnovo Di Sotto R.E..

Alterna la pittura tradizionale alla pittura digitale.

Ha allestito 54 mostre personali, ha partecipato a  circa 270 mostre collettive e a 11 fiere dell’arte in Italia e all’estero.

Ha ricevuto oltre cento premi, tra i più importanti: la medaglia di bronzo e il fiorino d’argento al prestigioso Premio Firenze  e il premio alla carriera (ricevuto da un gruppo di Professori di storia dell’arte nella città di Palermo).

E’ inserito su molti cataloghi dell’arte moderna e su molti siti internet.

Le sue prime esperienze con la pittura ad olio su tela risalgono al 1956, mentre quelle con la pittura digitale al 1997. E’ stato il primo pittore che nella sua terra (con grande coraggio) ha allestito una personale tra pittura tradizionale e pittura digitale nell’anno 2000.

Dopo quella data le sue mostre sono sempre state allestite con le due diverse tecniche.

Nel 2012 ha partecipato al “Cultural Contact” scambio Culturale tra Italia e Canada a cura della Dott.ssa Adelinda Allegretti, giornalista, storico dell’arte e curator di eventi Internazionali.

 

 

 

 

Rusp@,

was born in Castelnovo di Sotto R.E. the 15 May 1946. 

He paints full-time in his Atelier in via Giusti in Castelnovo Di Sotto 9 R.E..

Alternates the traditional painting to digital painting.

Has set up 54 solo exhibitions, participated in about 270 group exhibitions and art fairs 11 in Italy and abroad.

Has received over 100 awards, among the most important: the bronze medal and the silver guilder to the prestigious Florence and the lifetime achievement award (received by a group of Professors of art history in the city of Palermo).

It is posted on many modern art catalogs and on many internet sites.

His first experiences with the oil painting on canvas dates back to 1956, while those with digital painting in 1997. He was the first painter in his own land (with great courage) has set up a personal between painting and traditional digital painting in the year 2000.

After that date his exhibitions have always been equipped with two different techniques.

In 2012 he participated in the “Cultural Contact” cultural exchange between Italy and Canada by Dott.ssa Adelinda Allegretti, journalist, art historian and curator of international events.  

 

 

 

 

Surrealismo di Rusp@ a Roma nord

surrealismo,pittura surreale,astrazione,pittori italiani,pittura italiana,artisti italiani,emilia romagna,reggio emilia,castelnovo di sotto,

Quest’opera surreale di Rusp@ (Gianni Ruspaggiari di Castelnovo di Sotto R.E.) dal titolo “Rio Veneziano” eseguita ad olio su tela, parteciperà alla mostra

“Back to you” nel Castello di Santa Severa a Roma nord.

Di sotto il testo di Adelinda Allegretti – giornalista, storico dell’arte e curatrice della mostra.

Il Museo Civico Archeologico di Santa Marinella (RM), situato all’interno del Castello di Santa Severa, ospita la mostra dal titolo “Cultural contact V. Back to you”, a cura di Adelinda Allegretti. L’iniziativa chiude il ciclo di mostre dell’ampio progetto “Cultural contact”, che gode del patrocinio dell’Ambasciata del Canada in Italia. La mostra è indirizzata ad artisti italiani e stranieri che operano nell’ambito dei diversi linguaggi visivi (pittura, fotografia, scultura, grafica, computergrafica, ceramica, installazione). L’esposizione si terrà dal 2 al 9 agosto 2012.
Il progetto “Cultural contact”, giunto così al suo quinto ed ultimo appuntamento dopo le tappe di Venezia, Milano, Alatri (FR) e Montréal, chiude i battenti con un’esposizione nel cuore di uno dei centri balneari più importanti della provincia di Roma: Santa Marinella, a circa 50 km dalla capitale. Il nome con cui veniva chiamata in passato (‘Pyrgi’, ossia ‘torre’) rivela l’importanza acquisita dal Castello del paese appartenente a nobili famiglie romane ed ai Monaci di San Paolo, ora sede di manifestazioni culturali e musicali e punto di forza della cittadina. Nel borgo del Castello si trova il Museo Civico Archeologico, che accompagnerà i visitatori alla scoperta della civiltà etrusca. Sarà piacevole attraversare le stradine ed incontrare artigiani intenti al lavoro nelle proprie botteghe, in cui vengono creati deliziosi e particolari manufatti, in primis ceramiche medioevali.

Il momento surreale di Rusp@

Il Direttore.jpg

Il direttore – olio su tela cm. 80×100.

Qual è il fascino del surreale? Cercare di capire, indagare, svelare un fascino è sempre un’operazione difficile, ambigua e soprattutto a rischio di depressione: il fascino è un elemento magico, come un gioco di prestigio, se lo sveli troppo scompare e non ha più senso. L’elemento della seduzione del surreale, dunque, non è cosa conveniente da razionalizzare, da spiegare a parole, perché la parola spezza l’incanto. Cerchiamo di analizzare quali sono le corde interiori che ci rendono ricettori e sedotti dal surreale. Indubbiamente la prima corda del nostro animo che viene pizzicata dai surrealisti è lo stupore che la nostra mente prova nel vedere forme nuove, inaspettate dove dovrebbero esserci figure abituali, ma la seconda è il contatto sensuale con la fluidità di queste forme, laddove nel reale le immagini sono dure, una fluidità che fa vibrare le entità figurative della surrealtà nella vita interiore dell’artista. Questo avviene nelle opere di Rusp@, una visione continua su un mondo riplasmato dal sentimento che l’artista emiliano ha per la realtà, una raffigurazione di quel linguaggio interiore, universale e pre-linguistico che è la musica. Tutto nelle opere di Rusp@ viene agitato dalla musica, un suono muto che diventa danza di palazzi e di forme digitali si visualizza in questi dipinti e gioiosamente ubbidisce alla bacchetta dell’Artista- Maestro che, con affettuosa, allegra imperiosità, lo sveglia e lo dirige.   Alfonso Confalone di Firenze.

 

Il dipinto è stato copertina di un album musicale.

Greenhouse

Greenhouse.jpg
Greenhouse – olio su tela – cm.80 x 100 – anno 2010.
————-
L‘effetto serra ha sepolto con l’acqua la strada che porta al caseggiato,
gli amici fanno visita alla coppia di tenaci, che nonostante tutto, non vogliono abbandonare la loro casa.