Terminata con successo a Firenze Artisti dal Mondo per il G7

mostra artisti dal mondo firenze

Terminata con grande successo a Firenze la mostra “Artisti dal mondo per il G7 della Cultura”. Nella fotografia Rusp@ è davanti alla sua opera “Emergenza Veneziana” nei locali dell’Iclab di Firenze.  La stessa opera ad olio su tela è stata premiata in Palazzo Vecchio nella XXXIVa edizione del Premio Firenze, è stata esposta al Caffè storico artistico letterario “Giubbe Rosse” sito in Piazza della Repubblica a Firenze, infine ha partecipato a questa mostra che ha riunito varie discipline, con cento artisti di varie nazionalità.

Nei post di sotto ci sono le informazioni dettagliate dell’avvenimento.

Inaugurazione mostra “Artisti dal mondo a Firenze per il G/7 della cultura”

Inaugurazione mostra “Artisti del Mondo a Firenze per il G/7 della Cultura”

Con il patrocinio del Comune di Firenze e della Regione Toscana, lo Spazio Espositivo Iclab (Intercultural Creativity Laboratory) di Firenze (in viale Guidoni 103) ospita, in occasione del G7 della Cultura, che si tiene a Firenze il 30 e 31 marzo, la mostra dal titolo “Artisti dal mondo a Firenze per il G7 della cultura”. Il pittore Rusp@ di Castelnovo di Sotto è uno dei cento artisti presenti nella mostra. L’esposizione di pittura, scultura e fotografia è promossa da Toscana Cultura, dalla Fondazione Romualdo del Bianco e dal Centro Congressi Al Duomo.

Italia, Usa, Russia, Germania, Francia, Spagna, Grecia, sono le principali nazioni da dove provengono gli artisti.

L’inaugurazione, con il taglio del nastro, si è svolta Sabato 18 Marzo, alle ore 18, alla presenza di numerose autorità.

La rassegna di opere allestita in un enorme spazio come Iclab, resterà aperta al pubblico, con ingresso libero, nei giorni 18,19, 25,26, 30, 31 marzo e sabato 1 e domenica 2 aprile dalle 16 alle 19.

Rusp@ partecipa con la pittura surrealista ad olio su tela.

Rusp@ e Fabrizio Borghini

Sabato 18 Marzo, Inaugurazione mostra “Artisti dal mondo a Firenze per il G/7 della cultura”. Nella fotografia Rusp@ è insieme a Fabrizio Borghini di Firenze, critico e storico dell’arte, giornalista, scrittore, presidente di Toscana Cultura e conduttore della rubrica “Incontri con l’arte” su Toscana TV.

 

Firenze inaugurazione mostra al Giubbe Rosse

Rusp@ sarà presente Sabato 14 Gennaio 2017 alle ore 17 all’inaugurazione della mostra delle opere premiate nella XXXIV edizione del Premio Firenze, nel Caffè storico artistico letterario “Giubbe Rosse”  di Piazza della Repubblica a Firenze. La mostra proseguirà poi fino al 27 Gennaio con orario: tutti i giorni dalle 9 alle 23. La premiazione delle opere e degli artisti era avvenuta in Palazzo Vecchio il 3 Dicembre 2016 nel salone dei Cinquecento. L’opera di Rusp@ che sarà in esposizione è: “Emergenza Veneziana” olio su tela di cm. 60×60 eseguita nel 2016. Rusp@ è alla sua quattordicesima premiazione in Palazzo Vecchio nel Premio Firenze. Motivo di orgoglio per il pittore di Castelnovo di Sotto R.E. che nelle ultime partecipazioni era stato premiato per la pittura digitale e ora anche nella pittura tradizionale olio su tela. Da ricordare che l’artista ha esposto, mediante i premi ricevuti nel concorso nei vent’anni di partecipazioni, in vari Palazzi pubblici della città di Firenze. I più importanti dove ha esposto: Palazzo Vecchio, Palazzo Panciatichi, Palazzo Cerretani, Palazzo Bastogi e Palagio di parte Guelfa.

Rusp@ breve curriculum: 71 personali allestite; oltre 350 partecipazioni a mostre anche all’estero; più di 100 premi ricevuti e vinti. Critici, Cataloghi, pubblicazioni, siti internet, giornali, televisioni hanno scritto e parlato di lui e della sua arte. Nel 2008 un gruppo di Professori e Storici dell’arte gli hanno conferito il Premio alla carriera. Nel 2009 la casa editrice “Pegaso” di Firenze ha pubblicato la monografia: “Rusp@ artista al passo coi tempi”, con prefazione di Fabrizio Borghini di Firenze.

Nel 2016 è stato scelto per la mostra internazionale “ARTEMEDITERRANEA” che si è svolta a Pisa nello spazio Comunale “Sopra le Logge”, di fianco al Municipio.

Arte Padova 2016

Sarò presente ad Arte Padova nel padiglione uno, dedicato al Contemporary Art Talent Show, dal 11 al 14 Novembre 2016. Avrò uno stand tutto mio nel gruppo di Angolo Arte di Correggio con numero 64 e sarà allestito con una mini personale con opere dedicate a Venezia. Il titolo della rassegna di opere è, “Rusp@: Visioni pittoriche tra surrealismo e contemporaneità”. La mia presenza sarà costante per tutti i giorni e gli orari di apertura della Fiera:  Venerdì, Sabato e Domenica dalle 10 alle 20, continuato. Lunedì dalle 10 alle 13. Padova Fiere Via Niccolò Tommaseo. Nel catalogo mi troverete a questo indirizzo  http://www.artepadova.com/espositori/angolo-arte/

casa rosa venezianaOpera di Rusp@ “Casa rosa Veneziana” olio su tela cm. 60 x 60. Anno 2016

 

 

 

 

La musica del mondo

Questo il titolo della mini personale di Rusp@ alla Galleria San Marco di Boretto R.E.. “La musica del mondo” è una mostra collaterale della collettiva “Tu che mi hai rubato il cuor….La musica dell’anima”. Le due mostre saranno inaugurate Sabato 8 Ottobre 2016 alle ore 16. Proseguiranno poi fino al 16 Ottobre nei giorni festivi e prefestivi con il seguente orario: dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 16 alle 19,30.

case veneziane

 

 

Artemediterranea a Pisa “Sopra Le Logge”

La mia recente opera “Sguardo dal ponte” olio su tela, misura 60 x 60, anno 2016.

Sguardo dal ponte

Sopra le Logge apre ad ARTEMEDITERRANEA, nello splendido spazio espositivo comunale Pisano si inaugura la mega mostra il 1° Ottobre alle ore 18 alla presenza delle massime autorità. 

Sono tra i 78 artisti Italiani ed Europei scelti per la mostra Artemediterranea che si svolge a Pisa dal 1° al  26 Ottobre 2016 “Sopra le Logge” Piazza XX Settembre. La rassegna Internazionale gode del Patrocinio della Regione Toscana, del Comune di Pisa e dello IAA/AIAP-Unesco, ed è un omaggio alla città di Pisa da sempre culla delle arti. Il luogo “Sopra le Logge” (di fianco al Municipio, guscio della promenade verticale che consente l’accesso all’Archivio di Stato) è un’opera d’arte dell’architetto Roberto Pasqualetti, responsabile del settore qualità urbana del Comune di Pisa.

La manifestazione è stata creata nell’ambito di A.C.P Fondazione Cris Pietrobelli.

Il comitato artistico è formato da:

Andrea Ferrante Assessore Cultura Comune Pisa;

Antonia Hasch Presidente A.C.P. Fondazione Cris Pietrobelli Pisa;

Jolanda Pietrobelli Vice Presidente A.C.P. Fondazione Cris Pietrobelli Pisa;

Michela Radogna Presidente Associazione Degli Anelli Pisa;

Enzo Lamassa Presidente Civico29 Lab Pisa, 

Due opere di Rusp@ nel Museo Archeologico di Brescello

Il pittore di Castelnovo di Sotto Rusp@, dopo la mostra personale allestita nel Museo Guareschi di Brescello, ha donato due opere in segno di gratitudine. Ora le opere sono esposte in permanenza nel Museo Archeologico di Brescello R.E. al primo piano al termine della scalinata.

brescello museo archeologico

Didascalia delle opere:

Greenhouse – olio su tela – cm. 100 x 80.    3D – pittura digitale su tela – cm. 93 x 75.

Guastalla Palazzo Ducale

palazzo ducale guastalla

Rusp@: Visioni pittoriche tra surrealismo e contemporaneità.

Una sequenza ritmica di esili profili architettonici verticali, leggermente curvati, quasi alla ricerca di un abbraccio tra forme artificiali e spazi naturali; il tutto avvolto da una poesia silenziosa espressa in una fantastica policromia di immagini surreali. Rusp@ attraverso il suo linguaggio espressivo ci riporta alle relazioni tra “corpi materici” che sono l’atto fondativo della costruzione e i nostri luoghi. Un remake di stratificazioni prospettiche come nella pittura trecentesca di Giotto nella quale le architetture verticali sono rappresentate attraverso piani e superfici policromatiche in relazione tra di loro. La costruzione di un luogo quindi non solo come spazio fisico ma come rappresentazione dei valori della vita. Architetture che sembrano danzare sulle onde di un intenso mare blu fino a perdersi all’orizzonte in un cielo terso azzurro quasi ad evocare i “blu” della pittura di Piero della Francesca. Il fondo delle sue opere pittoriche, quasi sempre di colore azzurro-blu, diventa un luogo senza identità, senza memoria, senza riferimenti riconducibili a uno specifico contesto; quasi per cancellare qualsiasi forma iconica che ci riporta ad un luogo con una specifica identità. Ed è per questi aspetti che possiamo parlare di espressioni pittoriche surreali, tra sogno ed evocazione, tra desiderio ed attesa, tra spazio e tempo.

Una pittura “visionaria” che sconfina tra le simbologie e le allusioni di una pittura primordiale che rappresenta i luoghi in forme fiabesche e oniriche come nella pittura quattro-cinquecentesca di Bosch e come nella pittura espressionista-naifs di Rovesti e Colombo che ritrae il mondo magico e arcaico della cultura contadina. La figura umana è quasi sempre rivolta verso una visione prospettica e irreale di un paesaggio, tra un possibile sogno e visioni fantastiche alla ricerca di un luogo nel quale ritrovare il piacere del vivere contemporaneo. Un luogo che si esprime in pittura attraverso relazioni tra elementi artificiali e naturali, il tutto rappresentato da “forme fuori scala”. E’ attraverso l’uso di colori primari, accesi, per le forme artificiali e dei colori tenui per le forme naturali che Rusp@ cerca di costruire una nuova figurazione come relazione tra le opere dell’uomo e la bellezza della natura. Un piccolo manifesto di una nuova realtà urbana. Nelle sue opere pittoriche ritroviamo infinite scene della quotidianità che lui rappresenta sempre con situazioni di “eccezione” quasi mai riproducendo scenografie ordinarie ma attraverso la relazione tra i personaggi e il luogo per un infinito viaggio virtuale come desiderio interiore dell’artista a espressione dei contenuti della sua pittura. Schegge di vita urbana, figure senza volti, paesaggi irreali e architetture che si piegano dal cielo fino a terra cercando un’emulazione o meglio una simbiosi con le forme naturali. Immagini segmentate, contrastate da infinite forme lessicali e informali con intensi cromatismi  per rappresentare un possibile mondo attraverso l’uso della pittura. Una  distorsione di forme che raggiunge il suo apice nell’utilizzo del computer per l’esecuzione delle sue opere pittoriche per una visione complessiva tra immagini optical e iper-futuristiche a definizione di mondi interplanetari.

C’è sempre nel lavoro di Rusp@ un luogo fantastico nel quale ritrovare il piacere del vivere contemporaneo che oggi sembra essere assente. Immagini silenziose nelle quali ritrovare quella magia che permette all’artista di realizzare uno specifico e autonomo processo creativo. Virginia Wolf ci ricorda che l’arte non è il bello ma il vedere le cose in modo diverso; un modo differente che sta alla base di tutta la ricerca pittorica di Rusp@ attraverso l’espressione di un fantastico mondo…….. tra realtà e fantasia.

 

Sergio Zanichelli